logo MyPortal
Inizio pagina Salta ai contenuti

Comune di Belluno

Provincia di Belluno - Regione del Veneto


Contenuto

Calendario

Calendario eventi
« Settembre  2019 »
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
            1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30            

Comunicato

Comunicato

Comune:

Belluno

Data:

02/01/2007 00:00

Oggetto:

Le risposte del Comune di Belluno alle persone disagiate

Descrizione:

"La vicenda di Felice Fabbro ha colpito e rammaricato anche noi, anche perché gli operatori lo avevano quasi convinto ad aderire a un programma di recupero". Lo dichiara l'assessore ai Servizi Sociali del Comune di Belluno Luciano Reolon, che da subito si è attivato per risolvere il problema delle persone disagiate che spesso occupano le panchine dei giardini di Piazza Martiri. "Al di là delle inutili e ingiustificate polemiche - spiega l'assessore - vorrei sottolineare che questa amministrazione non è stata affatto a guardare, anzi. Come promesso in campagna elettorale, si è subito impegnata per trovare una soluzione alla questione di queste persone disagiate. Ognuna delle quali ha una storia a sé, e il recupero non è affatto semplice. Tuttavia, tramite gli operatori di strada e gli uffici comunali, abbiamo cercato di coinvolgerle in programmi di recupero. C'è stato chi ha risposto positivamente, ma c'è stato anche chi ha rifiutato le nostre proposte". E così alcuni di questi individui sono stati inseriti in comunità, altri stanno seguendo delle terapie presso il dipartimento di alcologia, ad altri ancora è stato trovato un posto di lavoro. "Per noi - precisa ancora l'assessore Luciano Reolon - è più difficile aiutare chi non è residente nel territorio comunale, ma cerchiamo comunque di andare incontro a tutti, proprio perché siamo convinti che sia necessario tentare in tutti i modi di recuperare le persone più disagiate e, quindi, più deboli". Del resto, il Comune di Belluno è attivo su questo fronte con programmi specifici di intervento a favore delle persone in povertà. Dal 2004 c'è anche l'importante contributo della Fondazione Cariverona, a sostegno dell'organizzazione di interventi di prima accoglienza contro l'esclusione sociale. Quanto realizzato sino ad ora risponde a molte delle esigenze che queste persone presentano: dalla mancanza di un alloggio alla distribuzione di pasti, dall'acquisto di generi alimentari ai farmaci. La rete di interventi è stata costruita assieme ai soggetti della comunità locale che tradizionalmente si prendono cura di tali persone, e in modo particolare la Caritas diocesana e il mondo del volontariato e della cooperazione sociale.

P.zza Duomo, 1
C.F. e P.Iva 00132550252
info@comune.belluno.it PEC: belluno.bl@cert.ip-veneto.net