logo MyPortal
Inizio pagina Salta ai contenuti

Comune di Belluno

Provincia di Belluno - Regione del Veneto


Contenuto

Calendario

Calendario eventi
« Novembre  2019 »
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30  
             

Comunicato

Comunicato

Comune:

Belluno

Data:

28/09/2019 00:00

Oggetto:

In vigore da martedì 1 ottobre l'ordinanza antismog
Deroghe per l'accompagnamento a scuola e per over 70

Descrizione:

Torna in in vigore da martedì 1 ottobre fino a martedì 31 marzo 2020 l'ordinanza “antismog” in rispetto dell’accordo tra Ministero dell’Ambiente e le regioni del bacino padano.
«In questi mesi di confronto e di coordinamento tra tutti i sette capoluoghi del Veneto, abbiamo cercato di trovare un accordo comune e omogeneo su deroghe e limitazioni, nel rispetto delle esigenze di tutte le realtà. - commenta l'assessore all'ambiente, Stefania Ganz – Rispetto allo scorso anno, ci sono solo lievissime differenze».

Traffico veicolare
Nessuna modifica per quanto riguarda le categorie: le limitazioni con livello di allerta verde riguardano i veicoli Euro 0 e 1 a benzina, quelli diesel fino  ad Euro 3 e motocicli e ciclomotori immatricolati prima del primo gennaio 2000; dopo quattro giorni di superamento del limite di PM10, scatterà il livello di allerta arancione, con il blocco anche degli Euro 4 diesel privati, mentre con il decimo giorno di superamento si salirà al livello rosso, con lo stop anche per i veicoli commerciali Euro 4 diesel.
Le limitazioni sono in vigore dal lunedì al venerdì, dalle 8.30 alle 18.30.
Invariata la zona interessata dall'ordinanza, così come i “corridoi di libera circolazione”, che consentiranno agli automobilisti del capoluogo e da fuori comune di attraversare la città e di raggiungere i parcheggi pubblici senza infrangere i divieti
Sono previste diverse deroghe per tipo di veicolo, di utilizzatore, per scopo del viaggio e per diversi altri aspetti.
Tra le novità di quest'anno, la deroga per i veicoli che trasportano bambini e ragazzi agli istituti scolastici (dalla scuola dell'infanzia a quella secondaria di primo grado) mezz'ora prima e dopo l'apertura; è stata poi abbassata l'età per la deroga di anzianità, da 75 a 70 anni, e non saranno soggetti a limitazioni gli automobilisti in possesso di certificazione ISEE pari o inferiore a 9360 euro: «Queste deroghe – sottolinea l'assessore – valgono solo per l'utilizzo di auto di potenza pari o inferiore agli 80 KW».
«Come per tutto il resto dell'anno, consigliamo il “car pooling”, la condivisione dell'auto, con almeno tre persone a bordo; - commenta Ganz – anche questa volta, sarà in funzione il bot Telegram, realizzato in collaborazione con Arpav, per avvisare in tempo reale i cittadini del livello di allerta».
Confermata solo per il traffico veicolare anche la finestra natalizia, dal 16 dicembre al 6 gennaio 2020 (inclusi), nella quale non saranno in vigore nemmeno le limitazioni previste dall'allerta verde.
Per tutte le altre deroghe, la planimetria dei corridoi e il modulo per le deroghe si rimanda al sito del Comune. Tra i documenti disponibili, anche una scheda che aiuta a identificare la categoria Euro del proprio veicolo.

Fuochi e stufe
Confermati per l'intero periodo ottobre 2019-marzo 2020 i divieti di accensione fuochi all'aperto, di spargimento liquami e di sosta con motore acceso.
Unica novità, che scatterà dal primo gennaio 2020, il divieto in allerta verde di utilizzare generatori di calore di classe inferiore alle tre stelle; nelle precedenti ordinanze, il divieto interessava i generatori di calore di classe inferiore alle due stelle.
«L'ordinanza – conclude Ganz - disciplina quei comportamenti e quelle attività che più influenzano la qualità dell'aria delle nostre città; ricordo che comportamenti come contenere le temperature all'interno dei nostri edifici, usare il meno possibile l'auto privata, utilizzare correttamente le stufe e gli impianti di riscaldamento, non effettuare fuochi all'aperto sono modi anche per ridurre sensibilmente le emissioni di anidride carbonica in atmosfera e partecipare quindi concretamente al contenimento del riscaldamento del pianeta».

P.zza Duomo, 1
C.F. e P.Iva 00132550252
info@comune.belluno.it PEC: belluno.bl@cert.ip-veneto.net