logo MyPortal
Inizio pagina Salta ai contenuti

Comune di Belluno

Provincia di Belluno - Regione del Veneto


Contenuto

Calendario

Calendario eventi
« Luglio  2018 »
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
            1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30 31          

Benessere organizzativo


BENESSERE ORGANIZZATIVO

Sezione relativa al benessere organizzativo, come indicato all'art. 20, c. 3 del d.lgs. 33/2013

 

Indagine sul benessere organizzativo

per un'amministrazione positiva

 

Per benessere organizzativo si intende “lo stato di salute di un’organizzazione in riferimento alla qualità della vita, al grado di benessere fisico, psicologico e sociale della comunità lavorativa, finalizzato al miglioramento qualitativo e quantitativo dei propri risultati”. In questa prospettiva si inquadrano le indagini svolte dagli enti pubblici e privati sul benessere organizzativo, i cui risultati rappresentano validi strumenti per un miglioramento della performance dell’organizzazione e per una gestione più adeguata del personale dipendente.

 

Il progetto nasce a seguito di un crescente interesse delle Pubbliche Amministrazioni nel promuovere il benessere del personale nel proprio contesto organizzativo. Tale tematica è diventata, oltre che oggetto di studio, anche dovere istituzionale a seguito dei seguenti decreti:

  • Decreto Legislativo n. 81/2008 - ha introdotto l'obbligo di valutare i rischi stress lavoro correlato,
    (cosiddetto Testo Unico in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro);
  • Decreto Legislativo n. 150/2009 - ha attribuito agli Organismi Interni di Valutazione (OIV) il compito di condurre indagini sul benessere organizzativo (Attuazione della legge 4 marzo 2009, n. 15, in materia di ottimizzazione della produttività del lavoro pubblico e di efficienza e trasparenza delle pubbliche amministrazioni);
  • Decreto Legislativo n. 33/2013 - ha stabilito l'obbligo di pubblicazione dei risultati delle indagini sul benessere organizzativo (cosiddetto Testo Unico in materia di trasparenza delle pubbliche amministrazioni).

Il progetto, nato in collaborazione con l'Università di Padova e gestito in house, quindi senza spese per il Comune, si prefigge di conoscere l'opinione del personale dipendente circa il proprio lavoro, ma anche di essere utile ad amministratori e dirigenti. Sarà infatti fondamentale, al termine dell'indagine e di un'accurata elaborazione dei dati, renderli pubblici e comunicarli al personale. È indispensabile in questo senso assicurare la massima trasparenza dei risultati nei confronti non solo dei dipendenti e dei dirigenti, ma anche rispetto ai cittadini.

È importante ricordare che lo svolgimento dell'indagineforniscel'occasione di esaminare tutti i risultati e procedere ad una loro sintesi, al fine di trarre elementi utili per rafforzare un canale di comunicazione tra il personale e il vertice dell’Ente in una visione di crescita e di sviluppo.

Le principali finalità dell'indagine, che il Comune di Belluno si prefigge, sono le seguenti:

  • conoscere le opinioni dei dipendenti su tutte le dimensioni che determinano la qualità della vita e delle relazioni nei luoghi di lavoro, nonché individuare le leve per la valorizzazione delle risorse umane;
  • conoscere il grado di condivisione del sistema di misurazione e valutazione della performance;conoscere altri aspetti quali l'equità, la carriera, il contesto di lavoro, l'immagine dell'amministrazione;
  • conoscere gli aspetti di criticità a cui porre rimedio.

 

In particolare il Comune di Belluno si propone, attraverso questo progetto,di misurare e prendere atto delle problematiche lavorative del personale edi acquisire conoscenze sulle rappresentazioni e sull'immagine che i dipendenti hanno del Comune. Si vogliono inoltre individuare quali sono gli elementi che favoriscono o ostacolano il benessere e la produttivitàe si vuole favorire un confronto pro-attivo fra dipendenti e dirigenza. Inoltre è fondamentale e alla base dell'indagine la volontà di fornire all'Amministrazione informazioni utili al fine di pianificare interventi per il miglioramento delle condizioni lavorative e in ogni caso per fronteggiare al meglio le problematiche emerse in ambito organizzativo.

 

Si sottolinea inoltre che la garanzia dell'anonimato è un principio irrinunciabile, in assenza del quale si rischia di vanificare la finalità dell'indagine: per questo il Comune di Belluno ha deciso che i questionari verranno trattati esclusivamente dalle tirocinanti che collaborano al progetto e sono esterne all'organizzazione.

Per ulteriori informazioni è possibile scrivere al seguente indirizzo mail:

benessereorganizzativo@comune.belluno.it

 

P.zza Duomo, 1
C.F. e P.Iva 00132550252
info@comune.belluno.it PEC: belluno.bl@cert.ip-veneto.net